lunedì 11 dicembre 2006

Profonda incertezza

Normalmente, quando vado a fare un esame so più o meno cosa aspettarmi: essendo praticamente verso la fine potrei definirmi un veterano, di quelli con medaglie, ferite di guerra e aneddoti da raccontare ad amici e parenti.

Invece è la prima volta che mi capita di andare ad un esame e non saper inquadrare la mia preparazione. E' da ieri che mi ripeto le solite domande:

- Ho studiato? Si.
- Avrei potuto fare qualcosa di più? Forse, ma o non ne ho avuto il tempo o la concentrazione necessaria.
- Il fatto che ti fai queste domande non ti fa pensare in qualche modo che tu non abbia una preparazione sufficiente? Probabilmente.
- Perchè allora sei qui a scrivere invece di continuare a ripetere? Ora vado.


...difatti vado.