lunedì 9 aprile 2007

2 motivi per cui le feste pasquali sono "peggio" di quelle natalizie

1. Nelle feste natalizie i pranzi sono diluiti nel tempo...basti pensare ai più importanti: cena della Vigilia-pranzo di Natale-cenone di Capodanno. Nelle feste pasquali invece tutto è condensato in due giorni, ma la quantità di cibo molto probabilmente è uguale.

2. Le feste natalizie si concludono con l'Epifania -che tutte le feste si porta via-. L'Epifania solitamente si trascorre a casa, a prepararsi psicologicamente, tra un dolcetto e l'altro, al ritorno al lavoro del giorno dopo. Nelle feste pasquali invece il giorno prima si trascorre spesso fuori nella tradizionale "gita fuori porta", a mangiare e bere ulteriormente (ma fin qui niente di male, anzi). I problemi nascono il giorno dopo, quando ci si deve alzare - spesso ad un orario non proprio consono - per andare a lavorare/studiare/far cose/vedere gente.


NB. Con i punti suddetti non intendo dire che Pasqua sia una festività di serie B. Semmai, fondamentalmente, che sia un periodo festivo diverso da quello natalizio e, spesso, più stressante.