giovedì 19 febbraio 2009

Eh si, questo blog non è ancora inutilizzato del tutto.

Sono ancora qui. Che ci si creda o meno.

Negli ultimi giorni, avendo un attimo in più di tempo per pensare, mi sono chiesto se valesse la pena tenere aperto ancora questo spazio, o se fosse il caso di chiuderlo del tutto. Di mettere tutto a posto. Il lato oscuro dell'essere piuttosto fissato con l'ordine. Non lasciare appeso ciò che non serve più o non viene più utilizzato.

Oh, non che non abbia da scrivere. Di cose ne sono successe, negli ultimi mesi. Tante. Probabilmente potrei farne un post. O svariati post. Ma come sempre sono il critico più severo di ciò che scrivo. Ogni volta che scrivo, sia qui, sia altrove, sia con mezzi meno tecnologici, non posso non fare diversi cambiamenti. Finchè non dico "basta" per sfinimento una volta creato qualcosa che in parte mi soddisfi.

Tuttavia, non vedo perchè non provarci. Ancora una volta.

Ad esempio, ho provato "l'ebbrezza" di portare il gesso. Di essere immobile nel letto per diversi giorni. Di muovermi con un contrappeso notevole. Il tutto mentre ero alle prese con una tesi di laurea. Naturalmente nel periodo in cui non era consigliabile fermare o rallentare i lavori per causa di forza maggiore per 30 giorni.

Laurea, già. Dopo svariati anni ho finalmente finito gli studi. Almeno quelli universitari. Dovrò abituarmi a scrivere come professione "Ingegnere". Qualsiasi cosa questo implichi.

E ora? Non so ancora cosa mi aspetta. Preferisco non pensarci.

Ciò che conta è che sono qui. E posso scriverlo.